Giornata della Memoria

Che il rispetto non ammicchi a una moda
di Gabriella Vitali D'Andrea

Qualcosa si muove, almeno così voglio crederlo, da inguaribile ottimista quale sono e quale è necessario sia chiunque lotta per degli ideali. Perché non potresti vivere, mettendo in gioco tutta te stessa e ricominciando a combattere ogni mattina, dopo l’ennesima sconfitta, dopo l’ennesima frustrazione, se dentro il tuo cuore non ardesse un ottimismo che è quel fuoco potente, che nessuno estinguerà mai e che ti aiuta a vedere oltre, più in là, molto più avanti, ad individuare i traguardi pur in mezzo alle nebbie più fitte. Ma l’ottimismo, attenzione, non va mai scambiato con l’ingenua rassegnazione e con la maldestra attitudine a lasciarsi ingannare e a vedere positivo, ciò che, in realtà, positivo non è. Qualcosa si muove, dicevo, ed una sorta di maggiore attenzione sembra si stia davvero risvegliando attorno ai valori etici e al rispetto di chi, questi valori, si è battuto per farli rispettare, anche con l’estremo sacrificio della vita. In Lombardia il giorno della Memoria per i Caduti della Forze dell’Ordine è oggi una legge regionale, altrove qualcuno sta facendo altrettanto. Presto, forse, la stessa cosa varrà anche a livello nazionale. Ci sono tutti i presupposti. Qua e là, amministrazioni comunali o provinciali dedicano un monumento, o una targa, o una via, a qualcuno degli Eroi, caduti per noi, per la nostra democrazia e per la nostra libertà, difendendoli, difendendoci, da qualsiasi nemico, sia esso la delinquenza ordinaria, sia quella politica. Ci sono tutti i presupposti, dicevo,  anche perché – purtroppo – per l’ennesima volta, è stato necessario che l’arrogante delinquenza rialzasse la cresta, prima che tornassero a spaventarsi quei “signori” che già avevano scambiato la quiete apparente degli scorsi anni con lo scampato – definitivamente scampato – pericolo. E così il riapparire di fenomeni vergognosi come le sedicenti brigate rosse, o nuova posizione, ha richiamato bruscamente alla realtà quanti starnazzavano di una pace sociale e civile ormai consolidata e in nome di questa illusione, o aperta menzogna, esortavano ad un buonismo e ad un perdonismo a dir poco scandalosi, a dimenticare il passato e a “riabilitare” anche la feccia peggiore. Ignari – o forse ben consapevoli, ma ipocritamente mendaci – che minare alla base la forze del diritto e la certezze della pena, vuol dire sgretolare la nostra civiltà occidentale e la nostra convivenza democratica. L’aver percepito che l’idra furiosa è tutt’altro che debellata, può forse avere in qualche modo contribuito, di riflesso, a riporre maggiore attenzione ai valori positivi che potrebbero tornare ad essere minacciati e a rendere il giusto onore a chi sta lottando, o ha lottato, in loro difesa. Per questo vediamo davvero di buon grado, come dicevo poche righe sopra, segnali rassicuranti da parte di amministrazioni comunali o provinciali che dedicano vie, targhe, monumenti agli Eroi, che si sono sacrificati per noi e per la nostra democrazia. Ma una preoccupazione – o se preferite una perplessità – si insinua  in noi,  come un tarlo che potrebbe sgretolare anche il più compatto degli edifici: la sincera riconoscenza, la vera gratitudine di un Popolo e di uno Stato verso i mille Eroi che hanno versato il proprio sangue, si dovrebbe esprimere allo stesso modo, indistintamente, nei confronti di tutti: tutti i Caduti debbono essere uguali, senza distinguere
 ordine, grado, provenienza. Privilegiarne – ci si passi il brutto termine, che comunque possiamo rimpiazzare con ‘celebrarne’ – alcuni e non altri potrebbe essere segno non solo e non tanto di una mancanza di riguardo e di una scarsa sensibilità umana e civile, ma piuttosto di una scarsa compartecipazione nella reale entità dei problemi che coinvolgono il nostro Paese e la nostra Gente e, tout court, potrebbe tradire più l’accondiscendenza ad un trend e ad una moda, che la risolutezza a operare per il bene di questo paese appunto e di questa Gente.

 

Giornata della Memoria 2005

Giornata della Memoria 2008

Giornata della Memoria 2009

Giornata della Memoria 2010

Giornata della Memoria 2011

Giornata della Memoria 2012

Giornata della Memoria 2013

Giornata della Memoria 2014

Giornata della Memoria 2015

Giornata della Memoria 2016

Giornata della Memoria 2017